sabato 12 settembre 2009

basta

oggi sto malissimo...
arriverò a duemila calorie, lo sento: ingozzata senza pietà per tutto il giorno, e stasera pizza e birretta con gli amici...che cazzo non voglio non voglio non voglio...
avrà mille calorie una pizza...
sto male...
sono stanca...
triste...
sfibrata, sfinita.
senza forze, molle, inerte come una bambola abbandonata per terra...
ragazze, sono al limite... al limite in cui sento che o calo o muoio...
cazzo...
ieri ero riuscita a saltare il pranzo...e stamattina pesavo 48 chili e 4 etti...2 etti in meno che saranno subito recuperati con la giornata di oggi...
2 etti sprecati, progresso nullo, anzi, prevedo un regresso...
un fottuto aumento di peso...

sono sull'orlo del precipizio? no, ci sono dentro.
lassciatemi cadere, vi prego. vi prego.
voi non potete salvarmi...se mi salvate muoio...
e allora tanto vale lasciarmi cadere...
io non sono uscita da niente, non è vero niente, se non stessero lì a ingozzarmi non mangerei veramente nulla...e dimagrirei di 3 chili alla settimana...e mi annienterei...e sarei nulla...un soffio d'aria...
sto soffrendo in un modo atroce...veramente...non sto esagerando...neanche mi rendo conto di quello che scrivo...
non voglio aiuto, non lo voglio, non voglio cibo...
odio chi mi da del cibo...
no, non voglio nulla, voglio solo arrivare a 47 chili, poi a 46, poi a 45...e basta...
ma lasciatemelo fare!!!lasciatemi deperire!!!
vi supplico, lasciatemi scomparire...
io in questo corpo grasso non riesco più a viverci...non ci riesco e basta...
e va bene, oggi sopporterò, domani pure.
ma poi basta.
io non metto più in bocca niente.
io...
ma che dico, poi i miei mi fanno sentire in colpa e mi fanno mangiare...mi costringono a mangiare...
io non voglio più mettere in bocca niente...solo sangue, acqua e aria...solo parole...solo singhiozzi...

6 commenti:

Persefone ha detto...

oh bambina, ma perchè fino a questo punto?
vorrei sapere tante e tante più cose su di te, vorrei capirti e starti accanto e avere per te la soluzione giusta.
Ad ogni storia il suo lieto fine. Non posso ne' so farlo, ma vorrei tremendamente.
I tuoi ultimi post sono dolorosissimi.
sembrano loro stessi singhiozzare, sanguinare. Tutte le tue parole.
Se solo si sforzassero di capirti..

Lilù ha detto...

mamma non so che dire..quanto dolore,quanta sofferenza..ho tanta voglia di coccolarti..forse perk tra tutti i blog che seguo,tu sei la ragazza in cui mi rispecchio di più..e so qnt una coccola mi avrebbe cambiato,mi avrebbe strappato un sorriso..e io invece ero sola,completamente. però tu no,non sei sola..ci siamo noi..e io ti mando tante coccole virtuali. :)

luna ha detto...

Ciao Leda cara,
sono appenatornata a casa dopo una giornata molto faticosa: mattina molto presto camomilla con l'unica amicha che ho; parruchiera nell'ora di pausa (ho tagliato un pò i capelli); casa dei miei ho mangiato 4 petali di cereali,lavorato fino a tardi, mangiato gelato con il fidanzato e poi gliel'ho vomitato davanti, passeggiata per torino di 2 ore e mi sono sentita molto male, stavo svenendo...bevut granita all'anguria.. mi sono addormantata sulle gambre del mio ragazzo, lui ha continuato a fare i suoi cazzo di giri senza preoccuparsi che ero più svenuta che addormentata... ora un pugnetti di cereali e poi esercizi e nanna che domani mattina lavoro fino alle 2 di pome...
Sono stanca leda, molto... vorrei riposare ma non posso mai, vorrei gridare ma nessuno fermerebbe il mio urlo, ne le mie lacrime nervose...sono un puzzle e nessuno mi ricompone, nessuno mette i pezzi al proprio posto... io non so più come sto, so solo che vado avanti a forza di inerzia...Ti mando un abbraccio e un bacio una buona notte...
Io ti sono accanto anche se non fisicamente ma con la mente sì!!
Buona domenica leda

Anonimo ha detto...

scusa ma xkè se hai ksto bisogno di punirti nn unisci l'utile al dilettevole e nn ti sottoponi a klke tortura UTILE? nlla tua città ce sarà klke ospizio dei vekki, una mensa pe' immigrati, un dormitorio dei barboni o no? guarda ke mika skerzo e neanke ti sto asfottere dico proprio davvero.

Veggie ha detto...

Lo so che è uno sfogo... tu in realtà non vuoi vreamente quel che scrivi... è che hai paura di perdere, se così non fosse... Ma se non lotti, hai già perso. Se combatti, puoi anche perdere... ma se peggio di così non può andare, tanto vale che provi a combattere, no?!... Tutt'al più, non cambierà niente... Ma le cose potrebbero anche migliorare... Quindi, perchè non fare un tentativo??!... Non rinunciare per timore di fallire... ma, soprattutto, non rinunciare per timore di farcela...

Anonimo ha detto...

sai avevo un amica come te una volta ... era proprio come te ... e non potevo comunicare con lei perchè se le chiedevo come stava lei mi mentiva dicendo ke ne stava uscendo e io lo sapevo ke erano balle... ma per un assurda ragione volevo credere che fosse così ;sai per aiutarla ho dovuto prima di tutto affrontare i miei demoni per non cadere per non lasciarmi trascinare giù ...sono stata tentata fortemente di seguirla e ricordo ke avrei voluto urlarle addosso tutto quello che avevo dentro dirle che era la persona più straordinaria che avessi ncontrato e contemporaneamente maledirla per quello che si stava facendo perchè anche se ci vedevamo sempre a scuola c'era sempre un muro di vetro tra di noi il muro dell'incomprensione ...non capivo...a tratti sono arrivata ad odiarlA avrei voluto scuoterla ,schiaffeggiarla ...niente troppa paura di ferirla di peggiorare la situazione.
ho provato ad avvicinarmi a lei ad aprirmi ma avevo la sensazione di scivolare sul ghiaccio ... tutto inutile ..non capivo...e non capisco tutt'ora e fa male soprattutto ora ke non mangia perkè ora si vede apertamente il male ke si fa e una parte di me vorrebbe fare lo stesso l'altra salvarla ma... è tutto inutile c'è il vetro ...se non capisco come posso aiutarla ??? sento ke finirò per allontanarmi da lei e non voglio perkè le farà male e anke a me ma come posso stare vicino a qualcuno ke gioca così con la sua vita e si fa beffe di chi tenta di aiutarla mentendo????? non capisco non tenta neanke di uscirne non vuole salvarsi ...perchè ...perchè io io non posso credere ke un essere umano arrivi ad odiarsi...questa come avrai capito non è una lettera di incoraggiamento o commiserazione ma di frustrazione ... spero solo ke quella mia amica riesca a trovare da sola a questo punto la forza di continuae a respirare (le ho tentate tutte mi sto arrendendo mio malgrado ... non voglio lasciarla sola ma si stà isolando e sempre più spesso la detesto perkè faccio di tutto e lei non fa ke piangersi addosso ...sono esausta ho finito le idee e lei non mi aiuta e leggere quello che scrive mi fa salire un senso di falimento rabbia e nausea alla bocca dello stomaco ... mi scoraggia e lo sta facendo con tutti e temo rimarrà sola )

con affetto LEONIDA ...